Uno, nessuno, centomila… HOoooDL

Ovvero tirare in causa Pirandello a sproposito, ma per una buona ragione: ribadire una questione. Una sola, piuttosto semplice, che potrebbe essere riassunta nel motto, “se ci tieni, tieni”. O “tieni, se ci tieni”, il che non ne altera il concetto. Nel mondo delle cripto è semplicemente HODL, gran bel figlio d’un meme (per chi ha tempo e voglia di farsi due risate).

g5Vv7V2Se non ci siete ancora arrivati:

  • se ci tenete al progetto Bitcoin non cagatevi in mano perché avete investito ventisei euro quando valeva quattromila e adesso è sceso un attimo e vi sentite defraudati della vostra smartitudine perciò vendete tutto e maledite le cripto;
  • se ci tenete al progetto Bitcoin, nato per ridare a ciascun privato privacy e libertà finanziaria, non speculateci: per quello esistono tutto un mare magnum di alt-coin con cui potete farci anche più margine, suvvia;
  • se ci tenete alla vostra privacy e libertà finanziaria, andate un poco più in là, perdeteci del tempo e studiate il fenomeno invece di lasciarvi condizionare dalle innumerevoli sboccate insensate che compaiono sui media a ogni piè sospinto: è per la droga, no è una bolla, no è per i terroristi, no è per…

Dicevano la stessa cosa di Internet: un posto per pedofili e pervertiti che, a detta di palla di cristallo Krugman (correva l’anno 1995), nel giro di cinque anni si sarebbe scoperto avere sull’economia globale un peso non maggiore di quello del fax. Fax you man.

Continua a leggere “Uno, nessuno, centomila… HOoooDL”

evoluZionE (Pordenone, 25.05.2017)

Cari,

di seguito la trascrizione del mio intervento a chiusura di quella meraviglia che è stata “evoluZionE”, evento formativo-divulgativo sul tema delle cripto, con confronti serrati tra i cani da guardia della salute pubblica e qualche cima a livello globale del pianeta Bitcoin.2017-09-27 23.48.07

Vi risparmio la lapidaria introduzione sulla questione che, se le alt-coin possono pur appartenere a buon diritto al dominio del trading mordi e fuggi, e lo stesso al momento dicasi per la maggior parte delle ICO o token vari che dir si voglia, il mero scopo di lucro mal si applica a Bitcoin. Detto questo, ecco un primo assaggio di filosofia e criptovaluta.

Per concludere…

Il filosofo è l’amico del concetto, è in potenza di concetto. Ciò vuol dire che la filosofia non è una semplice arte di formare, inventare o fabbricare concetti, perché i concetti non sono necessariamente delle forme, dei ritrovati o dei prodotti. La filosofia, più rigorosamente, è la disciplina che consiste nel creare concetti. […] Creare concetti sempre nuovi è l’oggetto della filosofia. [Gilles Deleuze, Felix Guattari, Che cos’è la filosofia?, Einaudi, Torino, 1998]

Se guardassimo le criptovalute da un punto di vista concettuale? Quali sono i concetti sui quali si basa la loro genesi?

Il significato di criptovaluta.

Prima di affrontare il concetto, ci si soffermi sulla parola stessa: cryptocurrency o criptovaluta (più correttamente crittovaluta), ovvero una parola composta da crittografia e valuta che letteralmente significa “valuta basata sulla crittografia”, dove crittografia significa “scrittura nascosta” (capace di offuscare il messaggio rendendolo inintelligibile a chi non è autorizzato a leggerlo) e valuta significa “unità di scambio” (che ha lo scopo di facilitare il trasferimento di beni e servizi). Dunque… mezzo di scambio (volontario) che funziona con una scrittura nascosta di modo da celarne il contenuto a chi non è autorizzato a leggerlo.

In primo luogo, ogni concetto rinvia ad altri concetti, non soltanto nella sua storia ma anche nel suo divenire o nelle sue connessioni presenti. Ogni concetto è composto da elementi che possono essere a loro volta presi come concetti. [Gilles Deleuze, Felix Guattari, Che cos’è la filosofia?, Einaudi, Torino, 1998]

Partendo dal significato, guardando alle criptovalute da un punto di vista concettuale, le principali componenti caratterizzanti il concetto stesso si può affermare siano “riservatezza” e “libertà di scambio”.

Continua a leggere “evoluZionE (Pordenone, 25.05.2017)”

Un po’ di storia…/2

dore1AAA (astenersi avventori accidentali) – Se siete arrivati qui per caso (ammesso che il caso possa esistere) e non sapete cos’è una criptovaluta (e concesso che le cripto esistono) o non siete avvezzi alla letterette e alla filosofìca, date una botta a chi, come, cosa, dove, perché, quando e quanto?

Dicevamo… Se le si guarda da una prospettiva storica le criptovalute godono di due anime: quella bella e brava e quella brutta e cattiva. Della zoccoletta s’è visto e detto. Della santarellina, che invece nasce dal bisogno intimamente politico e sociale d’arginare l’invasione della privacy e il controllo sociale e finanziario che lo sviluppo tecnologico rendeva possibile, faremo risalire le origini nel celebre manifesto del buon vecchio Timothy May. Mica un fante qualsiasi: con tutti, ma con Timothy May… Correva l’anno 1988. Giusto per rendere l’idea del cazzo voglia dire essere avanti (nella nostra libera traduzione e omettendo a piacimento):

“Uno spettro si aggira per il mondo moderno, lo spettro della cripto-anarchia. La tecnologia informatica è sul punto di fornire a individui e gruppi la capacità di comunicare e interagire tra loro in maniera totalmente anonima. Due persone possono scambiarsi messaggi, fare affari e negoziare contratti senza conoscere il Vero Nome o l’identità legale dell’altra. Le interazioni in rete saranno irrintracciabili […]. La reputazione sarà fondamentale […],questi sviluppi altereranno completamente la natura della regolamentazione dei governi, la capacità di tassare e di controllare le interazioni economiche, la capacità di mantenere segrete le informazioni, così come la natura della fiducia e della reputazione.
La tecnologia di questa rivoluzione – che sarà sia sociale che economica – esiste in teoria dal decennio passato. I metodi sono basati su crittografia a chiave pubblica […] e vari protocolli software per l’interazione, l’autenticazione e la verifica […]. Solo ora computer e reti di computer hanno raggiunto la velocità sufficiente per rendere queste idee praticamente realizzabili. E la prossima decade aggiungerà abbastanza velocità per rendere le idee economicamente fattibili ed essenzialmente inarrestabili. […]
Lo Stato certo cercherà di rallentare o fermare la diffusione di questa tecnologia, citando problemi di sicurezza nazionale, l’uso della tecnologia da parte di spacciatori e gli evasori fiscali, e le paure di “disintegrazione” sociale. Molti di questi problemi saranno reali; la cripto-anarchia permetterà di “scambiare liberamente” segreti nazionali, e consentirà di commercializzare  materiali illeciti e rubati. Un mercato anonimo computerizzato renderà anche possibile mercati aberranti, come omicidi ed estorsioni. Vari elementi criminali e “stranieri” saranno utenti attivi di CryptoNet. Ma questo non fermerà la diffusione della cripto-anarchia.
Proprio come la tecnologia di stampa ha alterato e ridotto il potere delle corporazioni medievali e la struttura del potere sociale, così anche i metodi “crittologici” modificheranno radicalmente la natura della società e l’interferenza del governo nelle transazioni economiche. […] Così come un’invenzione apparentemente minore, come il filo spinato, ha reso possibile la recinzione di ranch e fattorie, alterando così per sempre i concetti di diritti e proprietà in Occidente, così la scoperta apparentemente minore di una branca arcana della matematica… […]”.

Capito il concetto? Riprendiamo da dove eravamo rimasti: un sistema che garantisca libertà finanziaria e privacy finanziaria, e che permetta di ripararsi, almeno in parte, dal potere dell’ente centralizzatore per eccellenza, quel connubio stato-banche che ha degnamente sostituito quel che nei secoli passati era conosciuta come l’alleanza trono-altare, ma questa è un’altra storia.

Ripeto, capito il concetto? Anzi, i concetti…

  • (a) la logica della crittografia;
  • (b) la dinamica di una moneta digitale decentralizzata (e limitata nella quantità totale).

Continua a leggere “Un po’ di storia…/2”